lunedì 16 maggio 2011

Come serpenti amanti di d'n'b.

Rinunciammo agli strumenti musicali di quella band dal nome un po' da troia,
per ascoltare drum'n'bass alla sinistra dei nostri corpi.
Hai idea di quanto colore abbia ora quella pietra-pietra serena?
Le coste del tuo mare l'han baciata e l'hanno lavata da tutte le pedate sporche
di chi
camminare non imparerà mai.
Avrei voluto che tu fossi un serpente per poter portare nel mio borsone
non solo l'odore, ma anche la pelle tua.
Un cucchiaino di zucchero prescritto dal dottor M.
non è paragonabile a ciò che ora manifestano le mie labbra gonfie.
Se ti stringo le paure passano un po'?

2 commenti: